lunedì 14 gennaio 2013

La serie di Agnes Browne - Brendan O'Carroll


Non conoscevo questi libri, quindi non conoscevo – male, male – la vulcanica Agnes Browne. Ho conosciuto questi romanzi grazie a La Lettrice Rampante. Grazie, ragazza. Se non seguissi il suo blog forse mi sarei persa queste perle e sarebbe stato un vero peccato, perché questi quattro modesti volumi mi hanno conquistata come riuscirebbe a fare una tazza di tè caldo in un giorno ventoso d’inverno.

Comincerò dalla sintesi dei contenuti di ognuno dei quattro libri, per poi finire con il mio pensiero complessivo sulla serie.

Titolo: Agnes Browne mamma(originale: The Mammy)
Autore: Brendan O'Carroll

Traduzione: Gaja Cenciarelli

Editore: Neri Pozza

Prezzo: € 14,50

Pagine: brossura, 170


Siamo nei sobborghi di Dublino, nel 1967. Agnes Browne è una donna di trentaquattro anni – e all’epoca a quell’età non si poteva essere definite ancora ragazze – e ha sette figli. Sette. Il più grande ha quattordici anni, mentre l’ultimo ne ha tre. Agnes è appena rimasta vedova, ma non si può certo dire che sia stata una disgrazia, sotto il profilo umano e sentimentale. Il marito della donna infatti, usava ormai modi bruschi e violenti nei suoi confronti. Il problema rimane però sotto il profilo economico. Agnes rimane da sola coi figli e dovrà barcamenarsi in qualche modo per tirare avanti tutta la famiglia, avendo solo i guadagni dati dalla vendita di frutta e verdura al mercato di Moore Street, dove lavora tutti i giorni con la sua spassosa amica Marion. Da qui O’Carroll ci racconta tutta una serie di aneddoti, avventure e disavventure vissute dalla famiglia Browne. Addirittura il tentativo di Agnes, all’inizio un po’ buffo e impacciato, di rifarsi una vita dopo la morte del marito. Ipotesi che si concretizzerà sempre più anche nei libri successivi.


Titolo: I marmocchi di Agnes(originale: The Chisellers) 
Autore: Brendan O'Carroll

Traduzione: Gaja Cenciarelli

Editore: Neri Pozza

Prezzo: € 15,00

Pagine: brossura, 186

Il secondo romanzo si apre tre anni dopo, nel 1970 e percorre le vite dei nostri personaggi lungo gli anni in cui i figli di Agnes cominciano a crescere e a scontrarsi, alcuni di loro, con la durezza e l’amarezza della vita. Questo libro è forse quello che riesce a dare un pugno allo stomaco di maggiore impatto. Nonostante la famiglia sia sempre unita e nonostante Agnes abbia sempre cercato di crescere i propri figli nella correttezza e indirizzandoli verso la strada giusta, piuttosto che quella facile, uno di loro prenderà una via forse inaspettata e avrà luogo un triste epilogo. Un elemento che rende ancora più umana la storia.


Titolo: Agnes Browne nonna(originale: The Granny
Autore: Brendan O'Carroll

Traduzione: Gaja Cenciarelli

Editore: Neri Pozza

Prezzo: € 15,00

Pagine: brossura, 191




Ormai i figli di Agnes sono cresciuti, sono diventati adulti e hanno le proprie vite. La donna non vorrebbe che la vita e il corso degli eventi arrivino a portare su strade lontane i membri della sua famiglia, eppure succede. Alcuni scoprono di avere accanto persone diverse da quel che immaginavano, come Cathy che, ormai sposata, scopre gradualmente di aver accanto una sorta mostro, che la maltratta e la sottomette. Altri dovranno fare i conti con le seconde possibilità che offre la vita, col destino e con eventi inaspettati. Non voglio svelare altre cose, è troppo bello scoprire pagina dopo pagina cosa succede.


Titolo: Agnes Browne ragazza(originale: The Young Wan)
Autore: Brendan O'Carroll

Traduzione: Massimiliano Morini

Editore: Neri Pozza

Prezzo: € 16,00

Pagine: brossura, 232






Il quarto e ultimo volume è unicamente incentrato su Agnes. Non tanto sul suo personaggio, quanto su ciò che ha contribuito a farla nascere, crescere e diventare così com’è. Il romanzo parte dal momento in cui Agnes sta per sposarsi con Rosso. Lei e Marion parlano di ciò che sarà, guardando l’abito da sposa appeso in casa. Cominciano a ricordare eventi passati e sulla scia dei loro ricordi O’Carroll ci riporta indietro nel passato, attraverso una serie di flashback, nei quali ci racconta episodi significativi della vita di Agnes fin da bambina e della vita che scorreva prima che lei nascesse. L’incontro dei suoi genitori, il modo bizzarro in cui arrivano al matrimonio, la sua nascita, quella di sua sorella qualche anno dopo, il primo incontro con Marion, che sarebbe diventata la sua amica, il suo primo vero lavoro alla bancarella da una signora che sembra tanto burbera, chiusa e fredda quanto si rivela poi tenere ad Agnes e infine  l’incontro con Rosso. Questi alcuni degli episodi che scorrono veloci pagina dopo pagina e che, ancora una volta, riescono a rapire e coinvolgere. Quest’ultimo libro si conclude con il matrimonio che, per le circostanze anticonformiste, svela ancora una volta la personalità di Agnes.
P.S.: Questo, dei quattro, mi è sembrato quello tradotto meglio.


Eccoci, dunque.
Aver finito la serie di Agnes Browne mi ha lasciato un poco di tristezza e un velo di simil malinconia. Quella sensazione di vuoto che arriva quando si sente di aver letto un buon libro e si sa che non si può tornare indietro e riscoprirlo per la prima volta. Un libro che ti ha lasciato qualcosa di più che "sì, è carino".
Mi sembra quasi strano di aver letto la vita, le storie, gli aneddoti di personaggi di finzione. Mi sembra quasi impossibile che non fossero persone reali con vite reali.  O’Carroll in questa serie, saga familiare - chiamatela come vi pare – ha il massimo pregio di riuscire a far credere che da qualche parte a Dublino, in passato, possa essere esistita davvero questa famiglia. Fa emergere i personaggi dalla carta, non c’è che dire. Mentre leggevo, sembrava quasi di seguire da dietro un muretto le avventure e sventure di Anges, amici e figli. Come osservare da un angolino privilegiato. Non so, come se stessi leggendo di storie vere.
L’autore riesce inoltre a raccontare con uno sfrontato umorismo, a volte anche molto molto diretto – ma mai esagerato e oltre il limite – che diventa un ulteriore elemento di caratterizzazione di molti personaggi e dà corpo alla storia, alla serie di eventi. Sicuramente un umorismo meglio compreso dagli anglosassoni, in particolare dagli irlandesi, credo. Eppure devo dire che, nonostante io sia convinta che rendere determinati modi di dire, di scherzare ed espressioni varie in un’altra lingua sia difficilissimo e non avendo il metro di paragone giusto – non avendoli letti in lingua originale – qui la traduzione sembra decisamente degna. Riesce a non farti capire che quella originale è un’altra lingua – nei limiti, ovviamente. Nella lettura si procede spediti, non ci si arresta e non si zoppica su espressioni, parolacce e quant’altro. Mi sembra che in queste traduzioni si sia cercato di rendere al meglio i libri.
Questi romanzi trasudano di un’atmosfera di anni passati, di un luogo che sembra lontano, di sobborghi di un’Irlanda urbana, di proletariato, di famiglia. Di vita. Lo stile è asciutto, diretto, scorrevole, chiaro, coinvolgente. Non riesco a trovare molti difetti in questi quattro romanzi.
Come dicevo, mi hanno addirittura lasciato un velo di tristezza dopo aver terminato. So che quei personaggi, e il modo in cui la loro vita è stata raccontata, mi mancheranno.
Il mio unico “rimpianto” è il fatto che libri non siano miei, ma per fortuna mi riempio di gioia quando in biblioteca si riescono a trovare questi gioielli.



4 commenti:

  1. ciao, ho trovato questi libri favolosi... mi piace il genere, divertente. Mi chiedo se conoscessi da consigliarmi libri con lo stesso spessore, anche di altri autori. ciao e grazie!

    RispondiElimina
  2. ciao, ho trovato questi libri favolosi... mi piace il genere, divertente. Mi chiedo se conoscessi da consigliarmi libri con lo stesso spessore, anche di altri autori. ciao e grazie!

    RispondiElimina
  3. Ciao! Io non vedo l'ora di conoscere la storia di Agnes Brown!

    RispondiElimina
  4. Concordo con quello che hai detto "Mi sembra quasi impossibile che non fossero persone reali con vite reali" è la stessa sensazione che ho provato io!

    RispondiElimina